Frigobooks

  • Categoriaprogetti per il sociale
  • temaarte urbana, cultura e condivisione
  • anno2021
Condividi
    Sostieni i nostri progetti

Se girando per le strade di Torino ti è capitato di vedere dei frigoriferi coloratissimi, sappi che sono lì per una ragione: sono lì per te. E li abbiamo messi noi.

 

COSA SONO?

 

Si chiamano Frigobooks e sono vecchi frigoriferi che abbiamo recuperato per dar loro una nuova vita e soprattutto una nuova funzione. Dopo essere stati restaurati e installati in aree pubbliche urbane, i frighi sono diventati delle piccole librerie al cui interno chiunque può trovare e prendere tantissimi libri di #Pagina37, il gioco di ridistribuzione circolare di libri donati da lettori per altri lettori.

 

PERCHÉ DEI FRIGHI?

 

Oltre a promuovere la cultura gratuita, il progetto è all’insegna della rigenerazione urbana e della creazione di arte aperta alla cittadinanza. I Frigobooks non si limitano ad essere luoghi per il bookcrossing bensì sono delle vere e proprie installazioni d’arte pubblica. I tre giovani writer Stranita (Anita Cisi), Skit (Pietro Brusasco) e 8175 (Roberto Ferrara), hanno infatti dipinto i frighi in una sessione di live painting, trovando così una superficie per esprimere e far conoscere la propria arte, che rimarrà pubblica e libera sino alla fine del progetto.

 

DOVE SONO?

 

Ad oggi sono 3 i Frigobooks disseminati per la città: uno all’interno del Parco Dora vicino allo skatepark, uno nel Piazzale Duca d’Aosta e un altro nell’area pedonale antistante al Polo del ‘900 e al Museo Diffuso della Resistenza. Molto presto però ne verranno inaugurati altri 2 a Settimo Torinese.
Se vuoi che anche la tua città si tinga di giallo e venga invasa dai Frigobooks, faccelo sapere scrivendoci a ciao@pagina37.it

 

COME FUNZIONANO?

 

È semplice: apri il Frigobooks, prendi un libro, leggi!

(e non dimenticarti di farcelo sapere pubblicando una foto sui social con il tag @pagina37!)

I Frigobooks sono sempre pieni di libri grazie ai molti lettori che ce li hanno donati e a numeros* volontar* che periodicamente vanno a controllarli e a portarne di nuovi.

È una faticaccia, ma qualcuno deve pur farla. E tu puoi darci una mano!

 

Se l’iniziativa ti piace:

  • porta uno o più libri che hai amato e che vorresti che altre persone leggessero
  • appiccica sopra la copertina l’adesivo “PRENDIMI” che trovi dentro al Frigobooks
  • immortala il momento con una foto e pubblicala sui social utilizzando il tag @pagina37 (così possiamo ringraziarti!)

 

Se l’iniziativa ti piace tantissimo:

  • scrivici a ciao@pagina37.it per diventare un* volontari* del progetto e aiutarci nella programmazione dei molti eventi che organizziamo.

 

 

FINO A QUANDO?

 

I Frigobooks resteranno nelle loro posizioni attuali fino a Dicembre poi verrà cercata loro una nuova location che li ospiti in maniera permanente.
Se hai un’attività, un centro culturale, una nave o un’astronave che possa accogliere e far continuare a vivere i Frigobooks, scrivici a ciao@pagina37.it e adotta un Frigobooks!

 

Lavoriamo ai Frigobooks già dal 2020 ma il progetto ha subito una battuta d’arresto a causa della pandemia. Ora, con la graduale ripartenza dell’estate 2021, i Frigobooks sono diventati colorati ed eclettici simboli della ripresa delle iniziative culturali; veri e propri totem di condivisione e di circolarità del sapere in grado di incentivare il coinvolgimento e la partecipazione attiva alla vita culturale torinese. 

In tutto questo processo di creazione e rete urbana Fondazione Contrada Onlus ci ha aiutati per la logistica a Torino.

  • temaarte urbana, cultura e condivisione
  • anno2021
Condividi